Le proprietà della lavanda

La lavanda può avere innumerevoli utilizzi, grazie ai suoi oli essenziali

La lavanda può avere innumerevoli utilizzi, grazie ai suoi oli essenziali

Con il suo profumo inconfondibile e una bellezza distintiva, la lavanda è da secoli apprezzata non solo per la sua estetica, ma anche per le sue proprietà che ne permettono molteplici applicazioni in campo alimentare, cosmetico e medicinale. Il nome – lavanda – dal latino “lavare”, proviene dall’antica abitudine che la vedeva utilizzata in bagni disinfettanti e rilassanti.

Originaria delle regioni mediterranee, ampiamente diffusa anche in Medio Oriente, è oggi coltivata in molte parti del mondo proprio per i suoi innumerevoli usi e benefici. Infatti, dai suoi
caratteristici fiori azzurro-violaceo e dalle parti aeree della pianta (fusti e rami) si ottengono oli essenziali che possono essere utili per il nostro benessere. La lavanda, infatti ha proprietà che la vedono coinvolta, oltre che negli usi cosmetici, in alcuni processi fisiologici. Una pianta estremamente versatile che vale la pena conoscere meglio.

Integratore Melatonina IBSA

L’integratore Melatonina IBSA può contribuire alla riduzione del tempo richiesto per prendere sonno, a regolare il ciclo sonno-veglia* e a favorire il naturale benessere psicologico.

Scopri melatonina IBSA
integratore melatonina IBSA
* l’effetto benefico si ottiene con l’assunzione, poco prima di coricarsi, di 1mg di melatonina.

Lavanda: olio essenziale e fiori

L’olio essenziale di lavanda (Lavandula Angustifolia) contiene soprattutto terpeni – grande classe di composti organici presenti in natura con cui le piante attirano gli insetti per il fondamentale processo di impollinazione – tra cui, in quantità maggiori, linalolo e linalil acetato (20-50%) e, in misura minore, cineolo, canfora, cariofillene e terpineolo. I fiori di lavanda, invece, contengono anche composti fenolici, tra cui l’acido caffeico e i tannini. Poiché la lavanda è una pianta commestibile, è interessante conoscere anche i suoi valori nutrizionali: 100 grammi di lavanda contengono solo 49 calorie, 1 grammo di grassi, 287 UI di vitamina A , 215 mg di calcio ed infine 2 mg di ferro.

Per cosa si usa la lavanda?

La lavanda è una pianta erbacea che, oltre agli usi cosmetici facilitati dal suo profumo, ha proprietà che la vedono coinvolta in alcuni processi fisiologici. Inoltre, nel mondo frenetico in cui viviamo, in cui è essenziale ritagliarsi momenti di calma e serenità, la lavanda è una risorsa naturale che può contribuire a promuovere il benessere mentale ed emotivo.

Lavanda per lo stress

Uno dei benefici più noti della lavanda riguarda il relax: l’olio essenziale e i fiori della pianta, infatti, sono utilizzati in caso di situazioni di stress. Utilizzare la lavanda prima di coricarsi contribuisce al rilassamento e facilita il sonno.

La lavanda per l’umore

Il benessere mentale e il sonno sono indubbiamente correlati. In fasi della vita in cui il benessere psicologico non è in equilibrio potrebbe verificarsi una maggiore difficoltà a prendere sonno. Utilizzare regolarmente la lavanda permette di favorire il normale tono dell’umore.

Un aiuto per la digestione dalla lavanda

La lavanda non solo è commestibile, ma risulta un’alleata vincente nella digestione. Collegato alle sue proprietà calmanti e rilassanti sul sistema nervoso, c’è infatti il contributo che la lavanda può apportare nel favorire la naturale funzione digestiva, la regolare motilità gastrointestinale e l’eliminazione dei gas. In generale, una buona digestione è indispensabile per un sonno sereno e riposante.

Integratore Melatonina IBSA

L’integratore Melatonina IBSA può contribuire alla riduzione del tempo richiesto per prendere sonno, a regolare il ciclo sonno-veglia* e a favorire il naturale benessere psicologico.

Scopri melatonina IBSA
integratore melatonina IBSA
* l’effetto benefico si ottiene con l’assunzione, poco prima di coricarsi, di 1mg di melatonina.

Come usare la lavanda

L’efficacia della lavanda è concentrata soprattutto nell’olio essenziale, impiegato per varie preparazioni. Si può, per esempio, assumere un’adeguata dose di lavanda tramite l’utilizzo di integratori alimentari per il sonno attentamente formulati, dove spesso è associata alla melatonina. Sotto forma di gocce di olio essenziale diluito può portare sollievo rapido e duraturo se utilizzato su fronte, tempie o sulle zone muscolari in tensione massaggiando le parti del corpo infiammate.

La lavanda si trova inoltre come ingrediente di infusi, spesso associata ad altre erbe per dormire meglio o con proprietà digestive. Infine, molte persone trovano beneficio nel tenere sacchetti di lavanda essiccata sotto il cuscino o spruzzando un po’ di olio essenziale diluito sulla biancheria da letto per creare un ambiente tranquillo e favorevole al riposo.

La lavanda, quindi, è molto più di una semplice pianta ornamentale. Il suo profumo delicato e le sue proprietà rilassanti la rendono alleato prezioso in molti aspetti che riguardano il nostro
benessere.

Articoli correlati

ORDINA ORA